Le risposte sono nella consultazione civica promossa da Cittadinanzattiva e alla domanda “quanto sono raggiungibili gli obiettivi auspicati dall’Agenda ONU 2030?” i risultati arrivati, sono stati affiancati ai dati dell’Osservatorio di Cittadinanzattiva che, annualmente, conduce indagini relativamente ai trasporti, ai rifiuti e al servizio idrico in 110 città capoluogo di provincia analizzando delibere, politiche tariffarie e Carte della qualità.

Ma quali sono gli obiettivi dell’Agenda ONU? Scopriamoli insieme qui di seguito:

  • Fornire l’accesso ai sistemi di trasporto sicuri, accessibili e sostenibili per tutti, migliorare la sicurezza stradale, ampliando i mezzi pubblici, con particolare attenzione alle esigenze di donne, bambini, persone con disabilità e le persone anziane;
  • dimezzare il numero di decessi a livello mondiale e le lesioni da incidenti stradali;
  • migliorare la qualità dell’acqua per ridurre l’inquinamento, riducendo al minimo il rilascio di sostanze chimiche e materiali pericolosi, dimezzare la percentuale di acque reflue non trattate e sostanzialmente aumentare il riciclaggio e il riutilizzo di sicurezza a livello globale;
  • aumentare l’efficienza idrica da utilizzare in tutti i settori e garantire i ritiri e fornitura di acqua dolce per affrontare la scarsità d’acqua e ridurre in modo sostanziale il numero delle persone che soffrono di scarsità d’acqua;
  • ridurre il negativo impatto ambientale pro capite nelle città, con particolare attenzione alla qualità dell’aria e alla gestione dei rifiuti urbani e di altro tipo;
  • ridurre in modo sostanziale la produzione di rifiuti attraverso la prevenzione, la riduzione, il riciclaggio e il riutilizzo.

Le risposte dei cittadini

La maggior parte dei cittadini è decisamente pessimista sul raggiungimento degli obiettivi del trasporto pubblico locale. Mentre ha una valutazione sostanzialmente positiva sui target riferiti al servizio idrico. Giudizio altalenante sui rifiuti urbani: pessimista sulla gestione individuale dei rifiuti nelle città, con particolare attenzione alla qualità dell’aria e alla gestione dei rifiuti urbani, ottimista sulla riduzione della produzione dei rifiuti attraverso la prevenzione, la riduzione, il riciclo  e il riutilizzo.

Cosa fare per favorire il perseguimento dei target analizzati?

Occorre intervenire massicciamente sul settore del trasporto pubblico locale per rafforzare le aree di criticità riguardanti la qualità del servizio, l’accessibilità e le tutele in caso di disservizio.

Bisogna rendere più forti le tutele per il servizio idrico integrato, migliorando la gestione dei reclami e la risoluzione delle controversie.

É necessario intervenire nella gestione dei rifiuti in particolar modo sul fronte dei costi, considerati eccessivi e delle tutele, ancora troppo marginali se non del tutto inesistenti.

Leggi qui il punto di vista dei cittadini nella Consultazione Civica di Cittadinanzattiva

Leggi qui i risultati della Consultazione Civica e dell’Osservatorio di Cittadinanzattiva

Condividi