Il processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione rappresenta un’importante innovazione che incide sull’organizzazione dell’attività amministrativa e sui cittadini. Il Consiglio dei Ministri ha approvato una serie di misure urgenti riguardanti i contratti pubblici e l’edilizia, le imprese, l’ambiente e la green economy tra cui un decreto-legge che introduce misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale. Eccole:

· l’accesso a tutti i servizi digitali della Pubblica Amministrazione tramite SPID, Carta d’identità digitale (CIE) e l’App “IO” su smartphone,
· il domicilio digitale per i professionisti, anche non iscritti ad albi,
· la semplificazione e il rafforzamento del domicilio digitale per i cittadini,
· la presentazione di autocertificazioni, istanze e dichiarazioni direttamente da cellulare tramite l’App “IO”,
· semplificazioni per il rilascio della Carta d’identità digitale,
· una piattaforma unica di notifica digitale di tutti gli atti della Pubblica Amministrazione e via PEC degli atti giudiziari,
· la semplificazione della firma elettronica avanzata,
· il sostegno per l’accesso delle persone con disabilità agli strumenti informatici,
· regole omogenee per tutte le Pubbliche Amministrazioni per gli acquisti informatici, la formazione digitale dei dipendenti pubblici e la progettazione dei servizi digitali ai cittadini,
· la semplificazione e il rafforzamento dell’interoperabilità tra banche dati pubbliche e misure per garantire piena accessibilità e condivisione dei dati tra le Pubbliche Amministrazioni,
· la semplificazione e il rafforzamento della Piattaforma digitale nazionale dati, finalizzata a favorire l’utilizzo del patrimonio informativo pubblico.

Per ogni informazione sui Servizi Digitali della Pubblica Amministrazione chiama il numero 351 7153449 dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 13.00 e il venerdì dalle 10.00 alle 12.00 o invia un messaggio WhatsApp. Oppure rivolgiti allo Sportello del consumatore online o agli otto sportelli territoriali di Movimento Consumatori.

Approfondisci anche nell’articolo di Altalex

Condividi