Il domicilio digitale è una casella PEC (posta elettronica certificata) che individua un “luogo virtuale” dove possono essere inviate comunicazioni qualunque sia la nostra locazione fisica. Permetterà di ricevere su un canale digitale le comunicazioni con la Pubblica Amministrazione che sono rimaste finora su una casella di posta cartacea. Le Linee Guida sui domicili digitali delle persone fisiche e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi professionali o nel Registro imprese saranno in consultazione fino al 10 luglio.

Possono attivare il proprio domicilio digitale:

  • le persone fisiche che abbiano compiuto il 18° anno di età e abbiano la capacità di agire;
  • gli enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi professionali o nel registro delle imprese e, quindi, all’iscrizione del proprio domicilio digitale negli elenchi di cui agli articoli 6-bis (INI-PEC) o 6-ter (IPA) del CAD.

Le comunicazioni digitali tra la Pubblica Amministrazione e cittadini e imprese rappresentano una vera rivoluzione copernicana, perché possono comportare notevoli risparmi di tempo e di risorse, che ora vengono impiegati in attività manuali quali la gestione delle notifiche cartacee, l’accesso fisico all’abitazione delle persone, l’invio con raccomandata A/R, la mancata notifica per domicilio sconosciuto o irreperibilità.

Il domicilio digitale permetterà un altro importante salto di qualità per quanto riguarda il pagamento delle violazioni al Codice della Strada con PagoPA. La notifica sarà immediata e non fatta dal gestore che consegna in modalità cartacea con la possibilità di non trovare nessuno al domicilio. Importante anche la possibilità di mandare PEC tra cittadini in base ai diversi ruoli (es. locatore o locatario) semplificando la comunicazione via raccomandata e riducendo i tempi e i costi di comunicazione. 

Le linee guida rappresentano una grande semplificazione della comunicazione Pubblica Amministrazione-Cittadino, consigliamo a tutti i cittadini di dare suggerimenti e di partecipare alla consultazione.

Approfondisci leggendo qui la notizia di Agenda Digitale

Condividi