Il processo di digitalizzazione della PA rappresenta un’importante innovazione che incide pesantemente non solo sull’organizzazione dell’attività amministrativa, ma anche sotto il profilo dei rapporti e dell’interazione con gli utenti finali di questi servizi. Contestualmente, l’azione di promozione del processo di digitalizzazione pone rilevanti problemi in termini di sicurezza dei dati raccolti, gestiti e custoditi dai vari soggetti coinvolti.

A fronte dell’impegno profuso sul piano legislativo in entrambi i settori, da un lato attraverso l’elaborazione e l’aggiornamento del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) e dall’altro con l’applicazione negli Stati membri dell’Ue del nuovo Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali (Regolamento Ue 2016/679 del 2016), il contesto italiano risulta connotato da forti squilibri territoriali, risorse insufficienti, complessità burocratiche e grande arretratezza infrastrutturale, divario digitale della popolazione.

Al fine di ridurre le disuguaglianze di accesso e fruizione di questi servizi e di diritto alla tutela della privacy, Movimento Consumatori scende in campo con un programma strutturato di iniziative e specifici strumenti di assistenza e supporto al cittadino.

Assistenza e consulenza

Le attività di assistenza e consulenza si concentrano su due ambiti di intervento strettamente connessi finalizzati ad agevolare l’accesso e la fruizione da parte dei consumatori ai nuovi sistemi digitali della PA e tutelare i cittadini-consumatori in materia di privacy, attivando sia azioni individuali sia collettive dove vengano rilevati profili di violazione di tali diritti.

A tal fine saranno attivati e presieduti da consulenti MC appositamente formati sui temi indicati: un call center nazionale, una sezione dedicata dello sportello di assistenza online MC, un’email dedicata e sarà potenziata l’attività di otto sportelli territoriali nelle regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Umbria, Toscana, Lazio, Campania e Puglia.

Formazione e divulgazione

Considerata la peculiarità dei temi trattati e il richiamato gap territoriale, culturale e sociale esistente nell’ambito di questi due argomenti specifici, Movimento Consumatori dedicherà ampio spazio alle attività formative e divulgative e rivolgerà particolare attenzione alle categorie di utenti maggiormente vulnerabili. L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, ha comportato un’inevitabile rimodulazione delle attività previste in chiave digitale:

  • 3 convegni universitari dove saranno affrontati in particolar modo gli aspetti di tutela dei diritti dei consumatori, la lotta alle disuguaglianze prodotte dai processi di digitalizzazione, l’analisi delle criticità esistenti nei rapporti tra cittadino e PA. Gli eventi sono stati rimodulati necessariamente in modalità da remoto di intesa con gli atenei interessati;
  • 15 incontri per le scuole, rimodulati in modalità FAD, finalizzati a ridurre il gap informativo e tecnico per consentire ai giovani di comprendere i moderni algoritmi che governano i processi di digitalizzazione e l’uso consapevole dei dati personali;
  • 5 giornate dedicate al target anziani e finalizzate ad attuare un piano di alfabetizzazione digitale per ridurre il digital divide correlato al fattore età, anch’esse rimodulate in modalità FAD;
  • 1 evento nazionale conclusivo delle attività progettuali che a causa del protrarsi dello stato di incertezza sanitaria e le limitazioni poste alle aggregazioni consentite si svolgerà anch’esso in modalità da remoto.

La newsletter, i canali social Movimento Consumatori, il sito e il magazine dell’associazione informeranno in maniera puntuale i cittadini su tutte le attività previste su Servizi Digitali della PA e Tutela della Privacy.

Le attività relative ai Servizi Digitali della Pubblica Amministrazione e Tutela della Privacy nell’ambito del progetto sono realizzate da Movimento Consumatori.